how to get Escozul from Italy
Posted: 03 May 2010 03:55 PM   [ Ignore ]
less than 10 posts
Rank
Total Posts:  2
Joined  2010-05-03

Hi everybody, I’m Chiara from Italy, I read about Escozul and I wanted to try it on my Dad. He has pancreas cancer, and he’s having chemiotheraphy.
I read many infos about Escosul results but nobody refers to pancreatic cancer, does anybody can give me some informations?

Is it possible, in some way receiving Escozul by some delivery (DHL or similar) in Italy or do I have to come to Havana?

Has someone got an email or a phone number to contact the Lab?

Thank in advance and God bless you,

all the best

Chiara

[ Edited: 21 July 2011 03:00 PM by publisher ]
Profile
 
 
Posted: 09 May 2010 05:57 PM   [ Ignore ]   [ # 1 ]
less than 10 posts
Rank
Total Posts:  2
Joined  2010-05-09

Hi Chiara,
sono anche io italiana. Ti dico solo che sono tornata appena da cuba (precisamente venerdì scorso, 7 maggio 2010). E’ andato tutto liscio: siamo andati io ed il mio fidanzato per prendere per la prima volta la medicina per mia madre (cancro polmonare a piccole cellule) e la mamma di mia zia (cancro all’intestino). E’ stato facile, ma siamo dovuti andare direttamente, perché avevamo telefonato al numero della Labiofam e ci avevano detto in spagnolo (aveva parlato una mia amica messicana) che loro non lo spediscono, poiché bisogna che un familiare si rechi a L’Avana con la documentazione del caso clinico. Pensavamo fosse molto difficile, ma quando siamo arrivati lì con la documentazione tradotta in spagnolo (referti tac, relazioni medici italiani) e parlando un po’ di spagnolo maccheronico e l’inglese abbiamo capito e siamo stati capiti abbastanza bene. Le dottoresse sono molto gentili e alla mano. Ci hanno dato due tipi di farmaci: una è sotto forma di boccette di vetro di 40ml da conservare al fresco (2-8 gradi centigradi) e l’altra sono gocce da conservare a temperatura ambiente. All’aeroporto di L’Avana non hanno fatto storie per il trasporto di quelle boccette in un minifreezer con i pacchetti di ghiaccio perché basta mostrare la certificazione del laboratorio e così anche a Parigi (dove abbiamo fatto scalo) siamo riusciti a passare spiegando che erano medicine e mostrando la certificazione (naturalmente hanno ispezionato il tutto, ma ci hanno fatto passare). In aereo l’Air France non ce l’ha messo nel frigo di bordo, nonostante la nostra richiesta, ma almeno ci ha dato del ghiaccio fresco imbustato perchè, non potendo neanche accendere il freezer nostro (eravamo in classe economy, forse nella business…chissà?), i nostri ghiacci dopo 9 ore di volo si stavano riscaldando.
Il sito della labiofam trovato su internet è http://www.labiofam.cu/

il numero telefonico che funziona è:
0053 7 684 9661

L’indirizzo è : la Avenida, Independencia km 16 ½, en Boyeros, Ciudad Habana, Cuba
Se chiami, considera che lì sono sei ore indietro rispetto all’Italia e che la consegna di escozul avviene dalle 9 alle 12 circa (credo). Quando arrivi alla Labiofam, ti chiedono documento di identità e ti prendono cellulare, ti danno un badge di visitatore e poi ti fanno entrare. E’ molto tranquillo il posto, immerso nel verde, a mezz’ora circa dal centro di L’avana. Puoi prendere il taxi per arrivarci. E’ nel quartiere Boyeros, a 15 minuti circa dall’aeroporto Jose Martì.


Una dottoressa mi ha risposto con questo indirizzo email:
.(JavaScript must be enabled to view this email address)

Non so che effetto avrà su mia madre, ma spero bene,
buona fortuna
cri

Profile
 
 
Posted: 19 October 2010 03:24 PM   [ Ignore ]   [ # 2 ]
less than 10 posts
Rank
Total Posts:  2
Joined  2010-05-03

Ciao Cri, ti ringrazio tantissmo per la risposta e mi scuso per la differita immensa nella risposta.
Avevo abbandonato l’idea di utilizzare escozul dal momento che grazie all’utilizzo di un composto di aloe la situazione di mio padre è migliorata consentendogli di convivere bene con le cure.

Abbiamo deciso di intraprendere comunque anche questa strada e vorrei farti alcune domande, se non disturbo troppo.

- la borsa frigo si può acquistare dalla Labiofarm o l’hai portata dall’italia?
- è sufficiente il referto aggiornato dell’oncologo o serve tutta la documentazione?

Spero che tua mamma e tua zia stiano meglio, te lo auguro di cuore.

Ti ringrazio ancora tantissimo per la disponibilità e le preziosissime informazioni.

Grazie mille

Chiara

Profile
 
 
Posted: 21 October 2010 08:38 AM   [ Ignore ]   [ # 3 ]
less than 10 posts
Rank
Total Posts:  2
Joined  2010-05-09

Ciao Chiara,

sono contenta che mi hai risposto. Sono felice di poterti aiutare. Purtroppo mia mamma l’ha preso troppo tardi: dopo un anno e mezzo circa di cure, quando si era verificata la recidiva al polmone dx e sx e con metastasi al fegato ed alle ossa. Perciò non ha avuto abbastanza tempo per sperimentare gli effetti antitumorali, perché purtroppo è morta il 30 maggio. Ma ti devo dire che non ha avuto grandi dolori,solo gli ultimi due giorni sono stati duri; probabilmente l’escozul ha avuto effetti analgesici e antinfiammatori, poiché non sentiva per un po’ di giorni male alla schiena come prima. Ma l’ha preso per soli 20 giorni e le dottoresse ci avevano detto che per vedere i primi effetti antitumorali occorrevano almeno 2 mesi e mezzo..
Comunque io ti consiglio di provarci e, ti dico la verità, se io fossi malata, lo vorrei provare, perché non credo abbia effetti collaterali. Ultimamente ne hanno parlato in due puntate delle iene, le hai viste?

Ti mando i link per rivederle dall’archivio del loro sito:
http://www.iene.mediaset.it/ricerca-mediaset/risultato.shtml?q=escozul&scope=sito&sort=date

Io sono andata alla Labiofam di L’avana proprio come le iene e se vedi il video del 16/09/2010, hai modo di vedere bene come si svolge tutto.
Poi c’è anche un altro posto dove producono escozul, ma io non sono andata lì, invece le iene sì, ed è molto utile vedere il secondo filmato dle 20/09/2010, perché si spiega che questo Monzon lo utilizzò per la prima volta su sua figlia malata di tumore al pancreas.

Non so che differenza ci sia tra i due centri che lo distribuiscono, a parte il fatto che mentre la labiofam non chiede niente in cambio, Monzon sembra chiedere un’offerta libera.
Io non mi fido di quelli che dicono che te lo possono far arrivare via posta a pagamento, perché credo siano delle persone che speculano sulla malattia e non puoi essere sicura del contenuto delle loro boccette, quindi ti consiglio di recarti direttamente a Cuba.

La valigetta frigo te la devi portare da casa, ma ricorda che sull’aereo non puoi portare ghiccio liquido, solo ghiaccio secco. Basta una normale borsa frigo, ma io sono un po’ pignola e comprai un frigo elettrico portatile professionale (se vuoi ti dico il modello) che ho tenuto acceso in aeroporto durante le ore di attesa e che ho imbarcato con me (me lo hanno controllato e aperto, ma con i documenti che ti dà la labiofam non ci sono problemi nè all’aeroporto di L’avana né a Parigi dove ho fatto scalo, se spieghi che sono medicine antitumorali nella loro lingua). A L’Avana siamo andati in un hotel moderno per avere il frigo in camera e per non avere problemi di erogazione di elettricità.

Per quanto riguarda la documentazione, ti consiglio di tradurre in spagnolo una sorta di storia clinica breve, e di portare fotocopie dei referti più recenti e più importanti, magari con la traduzione spagnola accanto (ma l’italiano è talmente simile che le dottoresse riescono a capirli anche in italiano), e analisi del sangue recenti.
Dopo una chiacchierata con una dottoressa, ti viene spiegato cosa fare, le dosi, e ti viene dato escozul insieme ai documenti per la dogana. Le dottoresse sono molto gentili.

Se hai bisogno di ulteriori info e consigli, fammi sapere. Peccato che non hai risposto prima, ti avrei potuto donare le boccette non utilizzate da mia mamma che scadevano in agosto (perché essendo un prodotto naturale, non ha conservanti e dura per circa tre mesi).

Vai il più presto possibile, io purtroppo l’ho saputo troppo tardi di questa possibilità.

In bocca al lupo!

cristina

Profile
 
 
Posted: 31 March 2011 05:43 PM   [ Ignore ]   [ # 4 ]
10 to 29 posts
RankRank
Total Posts:  20
Joined  2011-03-31

Finalmente non serve più andare a cuba.
http://www.pharmamatrix.net

guardate il contratto sul sito tutto originale, anche video di dottori cubani della labiofam che confermano tutto!

——————————-
NOW ALL LABIOFAM PRODUCT ARE IN EUROPE! LOOK THE CONTRACT ON

http://www.pharmamatrix.net

ALL TRUE!

Profile
 
 
Posted: 21 July 2011 02:58 PM   [ Ignore ]   [ # 5 ]
30 to 49 posts
RankRankRank
Total Posts:  34
Joined  2010-04-21

Numit „flagelul secolului” cancerul este o boala care se raspandeste in continuare , fara incetare. Milioane de oameni sunt diagnosticati cu aceasta boala in timp ce zeci de mii de medici si savanti din intraga lume cauta solutii pentru a stopa si a vindeca aceasta boala. Sume colosale sunt alocate in fiecare an pentru cercetarile efectuate asupra acestei boli.
O multime de cercetatori reputati din domeniul oncologiei afirma faptul ca medicii abordeaza gresit boala canceroasa, multe din medicamentele existente ar putea trata cancerul in cazul in care ar fi folosite corect.
Dr. Larry Norton, medic oncolog si director medical la Memorial Sloan – Kettering Cancer Center din New York a declarat pentru revista Forbes urmatoarele:  “Suspectez ca toate medicamentele pentru tratarea cancerului sunt folosite intr-un mod gresit. Din cate stiu, putem trata cancerul cu medicamentele existente”. Afirmatiile Dr. Norton nu au fost primite bine de catre comunitatea medical insa anii de experienta au deomonstrat, in repetate randuri, faptul ca metodele aplicate de acesta, bazate pe calcule matematice elaborate au dat intotdeauna rezultate.
Din pacate in Romania o abordare corecta in terapia anticanceroasa alternativa este intalnita destul de rar motiv pentru care pacientii cheltuiesc sume importante pe niste tratamente ale caror rezultate lasa de dorit. Importanta aplicarii unui protocol terapeutic chiar in cazul terapiilor complementare este crucial. 
Pe piata din Romania, la fel ca si pe cea internationala numarul preparatelor folosite in terapia complementara a cancerului este suprasaturata. Este important de stiut faptul ca nu doar produsul in sine este responsabil pentru succesul tratamentului cat asocierea acestuia in anumite situatii cu alte produse care ii potenteaza efectul.
O abordare profesionala si eficienta a terapiei alternative in boala canceroasa, si nu numai, am intalnit-o la Domysan. Profesionala datorita faptului ca acestia sunt atenti la detalii si la fel cum spunea Norton: “Cu cat micsorezi mai repede o tumoare, cu atat mai repede aceasta va creste la loc, daca nu ai reusit sa o anihilezi complet”, viziunea asupra bolii canceroase este una realista, lipsita de „entuziasmul comercial” ai unor vanzatori de iluzii, ale caror tratamente te vindeca 100% de cancer.
Domysan aplica in terapie, teoriile Dr. Norton, chiar daca acestea fac referire mai mult la protocoale de tratament alopat, ideile sunt valabile si in cazul tratamentului alternativ al maladiei canceroase.
Datorita faptului ca boala canceroasa se manifesta in principal prin inmultirea necontrolata a celulelor si capacitatea acestora de a invada alte tesuturi din organism, este necesara o terapie care sa actioneze pe mai multe planuri, fapt aplicat de catre Domysan in protocoalele de tratament.
Cu siguranta putini dintre noi am cunoscut faptul ca exista un medicament care se acumuleaza in doar cateva minute in celulele canceroase, fapt demonstrat in cazul tumorilor de suprafata prin florescenta verde sub influenta razelor UV. Tratamentul se numeste Ukrain si contine ca substanta activa un extract dintr-o planta care ne este arhicunoscuta. Extractul special de Rostopasca este compusul bioactiv din Ukrain, medicamentul care a reusit sa schimbe viata mai multor pacienti bolnavi de cancer. Aplicarea produsului in terapia canceroasa a fost realizata in Romania doar de doi ani, timp in care pacientii care l-au folosit au constatat o imbunatatire semnificativa a starii de sanatate si nu in ultimul rand o remisie a bolii in mai multe cazuri din care amintim: cancer pancreatic, hepatocarcinom, melanom malign, cancer de san, cancer esofagian, cancer cerebral, sarcom Ewing’s, cancer de prostata, leucemie, etc.
In unele cazuri tratamentul cu Ukrain este mai dificil datorita faptului ca acesta trebuie administrat de personal medical specializat motiv pentru care Domysan recomanda in cazul in care acesta nu poate fi administrat, folosirea unui preparat cu administrare interna sub forma de picaturi, numit Oncozul sau Escozul.
Escozul este un produs care contine ca substanta activa venin de scorpion iar folosirea acestuia in domeniul medical are o vechime de zeci de ani. Tratamentul a fost aplicat prima data in Cuba de catre Bordier, insa folosirea veninului de scorpion in terapie se regaseste si in traditiile altor popoare. Domysan a obtinut un preparat care are in compuzitie extract din venin de scorpion albastru, Rhopalurus junceus. Escozul este promotorul terapiei cu venin de scorpion in cazul bolilor canceroase. Prin aplicarea tehnologiei moderne si a descoperirilor stiintifice a fost posibila obtinerea unui preparat eficient, stabil si usor de administrat, proprietate industriala a Domysan cu numele de Oncozul. Terapia cu preparatul pe baza de venin de scorpion s-a dovedit a fi eficienta chiar in cazul bolnavilor in stadii avansate si mai ales in cazul pacientilor copii in majoritatea tipurilor de cancer. Efectele sunt vizibile chiar din primele zile de tratament, pacientul manifestand o crestere a poftei de mancare, o imbunatatire a calitatii somnului si o diminuare semnificativa a durerilor provocate de afectiunea maligna. Reactiile adverse sunt aproape absente, singura si cea mai frecventa fiind cea de somnolenta. Efectul terapiei cu Oncozul (Escozul)  se observa dupa 30 – 90 de zile, in functie de caz, aceasta fiind in majoritatea cazurilor favorabila.  Posibilitatea de a folosi tratamentul in paralel cu chimioterapia sau radioterapia este un avantaj pentru pacient datorita faptului ca Oncozul (Escozul) diminueaza sau in unele cazuri chiar anuleaza efectele adverse ale acestor terapii conventionale. Preparatul actioneaza ca antitumoral prin blocarea angiogenezei (antiangiogenic), blocarea replicarii ADN, blocarea unor canale ionice care interfereaza cu mecanismul de inmultire si crestere tumorala, dar si ca antiinflamator, analgezic, antiviral si imunomodulator. Eficacitatea tratamentului cu Oncozul (Escozul) este dovedita, existand in acest sens o multime de pacientii la care terapia a avut succes, unii din acestia avand cazul prezentat la adresa: http://www.escozul-cancer.ro/9.html. Combinarea acestui tratament cu Ukrain creste eficacitatea terapiei si timpul in care se reuseste remisia tumorala.
Un alt tratament cu aplicabilitate in boala maligna este un produs obtinut de catre chinezi din semintele unei cereale numita „Lacrima lui Iov” sau Coix, numita Kanglaite. Preparatul este folosit cu succes in cazul mai multor afectiuni canceroase din care amintim: cancerul pulmonar, cancerul de prostata, cancerul de intestin, cancerul colo-rectal, cancerul hepatic, cancerul de pancreas si cancerul ovarian. Tratamentul cel mai eficient cu Kanglaite este injectabil si se administreaza intravenos sub forma de perfuzie, insa exista si varianta sub forma de capsule mai putin eficienta decat cea injectabila. Pe langa actiunea directa asupra tumorilor aceasta manifesta si un efect analgezic fapt observat la 5-7 zile de la initierea tratamentului. Este recomandata pacientilor care urmeaza cure de radioterapie si chimioterapie datorita faptului ca diminueaza efectele adverse ale acestor terapii. Este utilizata si pentru tratamentul casexiei in cazul pacientilor oncologici. Asupra produsului Kanglaite exista nenumarate studii stiintifice acesta fiind un medicament omologat in China, Rusia si alte cateva state si ca medicament orfan in Statele Unite ale Americi.
Combinarea acestor tratamente care au schimbat in bine viata multor pacienti face posibila tratarea cancerului. Utilizarea in paralel si a suplimentelor alimentare bogate in antioxidanti naturali, vitamina C, Germaniu organic, si alte principii active ale caror eficienta in terapia maligna a fost demonstrata, dar si a unui regim alimentar echilibrat, bogat in alimente de origine vegetala. Toate acestea determina ca lupta cu aceasta maladie a secolului sa nu fie imposibila.
Vizitati: http://www.domysan.rohttp://www.escozul-cancer.ro , http://www.ukrain.ro/http://www.kanglaite.ro/

Profile
 
 
   
 
 
‹‹ GReece      About shipment ››